Antonello da Messina, San Girolamo nello studio, 1475 ca

DOMENICA DELLA PAROLA DI DIO

Un giorno da vivere in modo solenne per riscoprire il valore e la centralità delle Sacre Scritture: è la Domenica della Parola di Dio istituita da papa Francesco con il motu proprio “Aperuit Illis”, emanata il 30 settembre 2019, memoria liturgica di san Girolamo, celebre traduttore della Bibbia in latino. Nel documento, il cui titolo è ispirato dal versetto del Vangelo di Luca (Lc 24,45) in cui Gesù risorto appare ai discepoli mentre sono radunati insieme: «Allora aprì loro (aperuit illis) la mente all'intelligenza delle Scritture», il Papa stabilisce che la terza domenica del tempo ordinario sia dedicata alla celebrazione, riflessione e divulgazione della Parola di Dio.     

Si tratta di una iniziativa che nasce direttamente dall’Anno Santo Straordinario della Misericordia, con lo scopo di rimettere la Parola di Dio al centro della vita della Chiesa. La scelta della terza domenica del tempo ordinario non è casuale: segna la conclusione della Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani, e dunque, scrive Papa Francesco, la giornata «verrà a collocarsi in un momento opportuno di quel periodo dell’anno, quando siamo invitati a rafforzare i legami con gli ebrei e a pregare per l’unità dei cristiani». E questo perché «celebrare la Domenica della Parola di Dio esprime una valenza ecumenica, poiché la Sacra Scrittura indica a quanti si pongono in ascolto il cammino da perseguire per giungere a un’unità autentica e solida».   
   
Papa Francesco dà libertà alle singole comunità di trovare un modo per celebrare quella domenica in modo solenne, «in modo da far emergere l’importanza di continuare nella vita quotidiana la lettura, l’approfondimento e la preghiera con la Sacra Scrittura, con particolare riferimento alla Lectio Divina».  «La Bibbia - aggiunge - non può essere solo un patrimonio di alcuni e tanto meno una raccolta di libri per pochi privilegiati, ma appartiene al popolo convocato per ascoltarla e riconoscersi in quella parola, mentre spesso si verificano tendenze che cercano di monopolizzare il testo sacro relegandolo ad alcuni circoli o a gruppi prescelti».   
Il Papa sottolinea che la Bibbia è «il libro del popolo del Signore», e l’ascolto della Bibbia porta il popolo a passare «dalla dispersione e divisione all’unità». E continua: «la Bibbia è storia di Dio con l’uomo. E la Parola deve avere ricadute nella nostra vita, deve fare storia».

Per la nostra collaborazione pastorale Marango/San Gaetano-Ottava Presa, che da cinque anni celebra la Festa della Bibbia la prima domenica di settembre, vorrà dire creare un’ulteriore occasione per riunirci attorno alla Parola in…“versione invernale”.

Home                                                              Calendario                                               Monastero                                                  Iniziative                                                              Articoli e pubblicazioni

Chi siamo                                                     Iscriviti                                                Preghiera                                                  Briciole dalla mensa                                              Orari SS. Messe

Come arrivare                                         Contatti                                                         Ospitalità                                                       Una famiglia di famiglie   

Monastero di Marango 

Strada Durisi, 12 - 30021 Marango di Caorle - VE

0421.88142  pfr.marango@tiscalinet.it

Privacy